(un)fair
Vuoi saperne di più?
scrivici
Would you like to know more?
write us
E : INFO@UN-FAIR.COM

 

Follow us

Search

Galleria indice in collaborazione con State Of

  -    -  Galleria indice in collaborazione con State Of

Orari

venerdì 1 aprile:  15.30 – 20.00 (vernissage aperto al pubblico)
sabato 2 aprile: 12.00 – 20.00
domenica 3 aprile: dalle 12.00 alle 20.00
La domenica il bar tending The Sanctuary organizza il Brunch, per chi volesse fermarsi dopo la mostra

Modalità di partecipazione

La mostra è Gratuita e aperta al pubblico dal mercoledì al venerdì dalle 15.30 alle 20.00.
Sabato e Domenica dalle 12.00 alle 20.00. La domenica il bar tending The Sanctuary organizza il Brunch, interessante da indicare per chi volesse fermarsi dopo la mostra

Galleria indice in collaborazione con State Of

Scalo Lambrate – The Sanctuary Milano, in via Saccardo 12 a Milano

State Of un progetto espositivo di arte contemporanea, nato nel 2019, volto alla produzione e alla diffusione d’arte ospitato in contesti multifunzionali e in spazi che hanno l’ambizione di diversificarsi. Alle mostre di State Of i visitatori possono riscoprire spazi ibridi e spesso insoliti per il contesto espositivo d’arte grazie all’idea di collaborazione e scambio culturale.

Galleria Indice è una nuova piattaforma online dedicata alla fotografia contemporanea italiana, che ha come primo obiettivo quello di essere il punto di riferimento di questo linguaggio a livello nazionale. Il progetto nasce come realtà online che vuole di volta in volta insidiarsi in situazioni fisiche differenti e connotate. Focalizzarsi, illustrare, far conoscere attraverso mostre, confronti, conversazioni la nuova fotografia italiana, adattandosi a seconda del contenitore preposto, concependo su misura l’evento.

Progetto

Dal 24 Marzo alle ore 18, presso lo spazio espositivo Scalo Lambrate – The Sanctuary Milano, in via Saccardo 12 a Milano, sarà inaugurata la mostra Galleria Indice: fotografia italiana contemporanea dedicata ai 16 artisti della galleria. Una esposizione che vuole essere un viaggio verticale all’interno dell’immagine contemporanea, una fotografia che esplode mostrando le proprie contraddizioni, la propria duttilità e continua capacità di autorigenerarsi.